Mobirise Web Creator

LA STORIA - ASSOCIAZIONE  PEGASO ONLUS

By Pierangelo Belardi, 26/10/2015

Tra gli anni '70 ed '80 andava, dove la tecnologia era ancora ai primi passi, prima di Facebook, Twitter e co. esisteva un solo un metodo per non fare tanti chilometri e passare, comunque, una serata tra amici.

La radio trasmittente.

"Ricordo ancora quando mio padre, Antonio Belardi ex Presidente dell'Associazione, socio fondatore che ora purtroppo non c'è più, scontrarsi con mia madre per montare sul tetto un'antenna di qualche metro con dei radiali che passavano da una parte all'altra della casa..."

Però questa è un'altra storia, negli anni 70/80 ancora non ero nato, e questo gruppo di ragazzi provava e si ingegnava in questo mondo.

Un mondo divderso da quello che siamo abituati a vedere. Ragazzi che quando non ci si vedeva in piazza, si stava di fronte ad un apparecchio ad aspettare il proprio turno per premere quella portante e dire la propria...

Da questo mondo, nasce la PEGASO, ma chi avrebbe pensato che saremmo arrivati qui.

Un giorno questi ragazzi decisero che fare 4 chiacchiere la sera era iniziato ad essere monotono e quello dove loro erano bravi poteva essere utile alla comunità.

Da quel momento iniziarono a muoversi per creare un'associazione di utilità sociale. Dopo tanti anni nacque l'associazione C.B. Pegaso.

C.B. perchè questa sigla? Perchè Pegaso? 

C.B. = Citizens' Band. La Banda Cittadina era una frequenza dei radioamatori per uso privato.

PEGASO l'idea è stata presa dalla mitologia greca, il cavallo alato dove inizialmente viene utilizzato da Zeus per trasportare le folgori fino all'Olimpo. Questo per simboleggiare il modo di trasportare i messaggi tramite la radio.

Quindi, dopo tanto tempo, nel 1982 viene ufficializzata questa associazione.

La prima "sede", che era più un luogo di incotro, era uno stanzino all'interno del convento a Lama Dei Peligni (CH), da li si iniziarono a creare i primi direttivi, le prime decisioni e così via...

L'associazione passa sotto diverse federazioni nazionali, trova la sua strada dopo diversi anni e viene iscritta all'albo Regionale della Protezione Civile nel 1995. A seguire nel 1998 viene inscritta nell'albo Nazionale della Protezione Civile. Sempre nel 1998 si associa con l'ANPAS (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) quando ancora il comitato regionale era misero di associate ed il territorio chietino non era coperto.

Durante la sua vita l'assocciazione inizia quindi con attività radioamatoriali, poi va avanti con i vari settori della Protezione Civile in funzione delle emergenze che caratterizzano il territorio di pertinenza.

Negli anni partecipa a varie missioni, qualche esempio può essere il terremoto in Irpinia, quello in molise, quello de L'Aquila e non ultimo quello dell'Emilia Romagna. Partecipa anche a missioni internazionali come quella denominata "missione arcobaleno".

Più si va avanti e più l'associazione cresce, sempre grazie ai volontari che trovano tempo da dedicare a questa realtà, agli inizi non esisteva una divisa o dei mezzi associativi, si andava alla "riscossa" con una fascia sul braccio e veicoli privati. Dopo anni e vari mezzi, come il primo fiorino che dopo la missione "arcobaleno" in albania si è arresso siamo arrivati ad oggi con circa 15 mezzi.

Per quanto riguarda le attività associative nella protezione civile ci occupaimo delle emergenze neve, alluvione, incendi boschivi. Mentre per la sanità ci occupiamo dalle assistenze alle manifestazioni alle emergenze/urgenze.

Il parco mezzi conta 3 ambulanze, 2 auto mediche, 1 moto medica, un furgone trasposporto volontari/civili, 3 mezzi fuoristrada di qui 2 pick-up attrezzati a mezzi di spegnimento incendi boschivi, un bobcat e tantissime attrezzature quali torri faro, 4 pompe idrovore, 4 gruppi elettrogeni, varie tende per la media/lunga emergenza e una tenda pneumatica attrezzata a PMA per l'emergenza breve/media.


Insomma una storia lunga e ricca di avvenimenti, sempre piena di scossoni che hanno portato l'associazione da uno stanzino di un convento ad avere 4 sedi dislocate sul territorio. Altino, Fara San Martino, Torricella Peligna, Pennadomo sono i quattro comuni con le nostri sede e tutti i comuni limitrofini compongono il territorio di nostro intervento.


Tutto questo grazie a quelle persone che non vedono il volontariato come semplice hobby, ma la vivono come esperienza! Un'esperienza che non viene remunerata, ma dove si riceve solo un GRAZIE.

Per molte persone può sembrare poco, per altri siamo dei pazzi, Ma quando sei immerso nel fango per liberare una casa,  sei li a spalare detriti da giorni pur di trovare un sopravvissuto, sei li a fronteggiare un muro di fiamme per salvare una casa e la sua famiglia, sei li ad evaquare una persona anziana per rischio slavina, a quel punto quel GRAZIE ti cambia la vita.

Tu che magari avevi pensato, ora basta, ho troppi impegni non riesco a fare più il volontario, con quel semplice grazie torni più vivo di primo e ti senti di poter dare ancora di più! 

Non è facile descrivere questa senzazione, ma solo in pochi possono capire di cosa si tratta. Purtroppo il lavoro del volontario non è remunerato perchè non è quantificabile.

Chiamatelo lavoro in nero, chiamateci ricreduti, ma questa per me è la mia "droga" quotidiana e tutti noi siamo fieri di essere Volontari!

INDIRIZZO
Associazione PEGASO onlus
Sede Operativa:
Via della Madonna, snc
ALTINO 66040 (CH)

CONTATTI
Email: info@pegaso.online
Phone: +39 333 7299845
Fax: +39 0872 900207

DISTACCAMENTI:


FARA SAN MARTINO:

Email: farasanmartino@pegaso.online

Phone: +39 393 8754981


TORRICELLA PELIGNA

Email: torricellapeligna@pegaso.online

Phone: +39 338 8734618


PENNADOMO

Email: pennadomo@pegaso.online

Phone: +39 393 9830017